Le tariffe più basse per il tuo Hotel a Firenze con Booking.com

Le offerte migliori direttamente dai proprietari su FirenzeAlloggio.com

Prenota Visite e Tour Guidati

Prenota il tuo Tour

Prenota i tuoi biglietti ed evita le attese!

Prenotazione Musei

Scopri le offerte dei migliori Ristoranti di Firenze con TheFork

Prenota il Ristorante

Il cenacolo di Santa Croce

Opera di Taddeo Gaddi, studente di Giotto

La parola "cenacolo" si eredita dal latino Cenaculum, che deriva a sua volta da "cenare". Nei refettori del convento si consumava il pasto in comunione spirituale con la preghiera ascoltando passi evangelici, in una sorta di nutrimento del corpo e dell’anima insieme ai confratelli.

Cenacolo di Santa Croce a Firenze, Toscana

Il refettorio di Santa Croce colpisce anche il più frettoloso dei visitatori con la sua imponente parete affrescata. La sensazione di stupore è immediata: varcata la soglia del refettorio ci si trova in uno spazio dilatato con soffitto a capriate e ci si sente trasportati verso una miriade di figure e cartigli dipinti sulla parete opposta. La simbologia francescana di questo cenacolo è decisamente fra le più affascinanti della città. Osservando attentamente la parete si comprende che vi sono rappresentate ben sei diverse scene: Crocifissione, Ultima cena, San Benedetto in solitudine, Gesù a cena dal Fariseo, San Francesco che riceve le stimmate e una storia di San Lodovico di Tolosa.

Taddeo Gaddi, un studente di Giotto,  vi si dedicò con passione nell’arco di circa trent’anni, fra il 1334 e il 1366. Ciò che maggiormente lascia senza parole, prima ancora di essere riusciti a localizzare la Caena Domini, è una specie di gigantesco “albero di Natale” carico di personaggi e iscrizioni.

Crocifissione del Cenacolo di Santa Croce a Firenze, Toscana

Gaddi rappresenta qui la Crocifissione, o meglio, una riflessione teologica su questo delicato tema. La Croce è il cuore della storia, è l’Albero della Vita ed il centro di un messaggio di salvezza annunciato ai profeti attraverso i cartigli che si diramano dal Sacro Legno. Cristo è morto per incarnarsi nel mistero dell’Eucaristia, che viene rappresentata nel registro inferiore durante l’Ultima Cena. Il tema è colto nell‘attimo nel quale Gesù annuncia il tradimento di uno degli Apostoli. Giuda è rappresentato di schiena, isolato dal resto dei compagni, in modo da permettere allo spettatore di individuarlo immediatamente. La tavola, rappresentata con prospettiva ancora rudimentale, è imbandita in modo semplice con pochi utensili, fra i quali si riconoscono ampolle, coltelli e pani.  

La scena è rimasta gravemente danneggiata durante l’alluvione del 1966, causando la perdita di alcune parti dell’affresco perdute. Se provate ad osservare i lati dell’affresco, sulle pareti salite con lo sguardo fino alla seconda fascia orizzontale dipinta. Quella fascia si trova a circa cinque metri di altezza: è fin lì che l’acqua del 4 Novembre 1966 arrivò, procurando danni incalcolabili al famoso Crocifisso di Cimabue che qui era esposto.

Santa Croce flood lines, Florence Tuscany

imagery from Santa Croce

Dopo che la miscela d’acqua e nafta si fu ritirata si rese indispensabile il distacco dell’affresco: difficile immaginare che l’intera superficie pittorica fu strappata dall’intonaco sottostante come un enorme tappeto arrotolato! Dopo questa manovra, grazie a tecniche di restauro approntate a Firenze, è stato possibile salvare questo prezioso tesoro trecentesco che è stato ricollocato sulla parete d’origine.

Restauro del Cenacolo di Santa Croce di Firenze, Toscana

Di questo primo cenacolo visto da vicino colpiscono indubbiamente le dimensioni e la funzionalità degli spazi che ancora oggi vedono il refettorio accessibile in occasione di mostre, dibattiti e persino concerti dall’acustica perfetta. Decisamente meriterebbe di entrare in una lista dei luoghi TOP 10 per la vostra prossima visita a Firenze!

La visita a questo cenacolo non è gratuita visto c'è un biglietto d'ingresso per visitare il complesso di Santa Croce. Tuttavia merita di essere visitato! (N.B. I residenti di Firenze possono visitare Santa Croce gratuitamente).

Ecco alcune foto delle sezioni dell'affresco, da sinistra, centro e destra:

La parte sinstra del Cenacolo di Santa Croce a Firenze, Toscana

La parte di destra del Cenacolo di Santa Croce a Firenze, Toscana


Autore: Elena Fulceri

Fiorentina di nascita, giramondo per necessità. Di professione Guida Ufficiale di una città densa di tesori, per passione fotografa e sommelier in training. Tesi in pedoarcheologia, licenza ufficiale di guida conquistata per condividere storie e angoli autentici meno battuti. Arte e Bellezza come Bene da rendere accessibile a tutti, con semplicità e spirito di curioso fin da bambini. Il mio motto? Firenze-su-misura per ogni età e occasione speciale!



Commenti

Domande? Il posto giusto dove chiedere è il nostro Forum*

* Non ci è possibile rispondere a domande poste nei commenti, per favore chiedi sul Forum!

Le nostre Guide

  • DiscoverTuscany.com
  • VisitFlorence.com
  • Chianti.com
  • Agriturismo in Toscana.com
  • Firenze Alloggio.com