Le tariffe più basse per il tuo Hotel a Firenze con Booking.com

Le offerte migliori direttamente dai proprietari su FirenzeAlloggio.com

Prenota Visite e Tour Guidati

Prenota il tuo Tour

Prenota i tuoi biglietti ed evita le attese!

Prenotazione Musei

Scopri le offerte dei migliori Ristoranti di Firenze con TheFork

Prenota il Ristorante

Il Campanile di Giotto: un'emozione da vivere, scalino dopo scalino

Adoro le vedute panoramiche: se mi trovo in una città non resisto alla tentazione di salire su torri, palazzi, terrazze e tutto quel che permette di ammirare il profilo urbano dall’alto.
Non ho l’abitudine di scalare edifici urbani in stile uomo ragno, sia chiaro, per fortuna ci sono diversi edifici pubblici o aperti al pubblico che offrono panorami splendidi, anche a Firenze.

Se fare un po’ di moderata attività fisica e l’altezza non ti spaventano, allora preparati a vivere alcune esperienze che ti lasceranno senz’altro senza fiato (e non solo per lo sforzo fisico :) ).
Salire sulla cima del Campanile di Giotto, uno dei simboli di Firenze, è certamente una di queste. La torre campanaria del maestoso Duomo di Santa Maria del Fiore offre, dalla sua cima, degli scorci panoramici incredibilmente suggestivi. Preparati però a faticare un po’: per raggiungere la cima della torre dovrai salire ben 414 scalini!

Una delle vedute panoramiche dal Campanile di Giotto

Non ci sono ascensori o altre scorciatoie che portino in cima al Campanile. La salita pertanto è sconsigliata alle persone sofferenti di cuore, vertigini e claustrofobia.

Per tutti gli altri sarà un’esperienza emozionante ed agevole. Salvo i momenti di grande affluenza, potrai infatti goderti la visita con calma, fermandoti ai piani della torre per fare qualche scatto e, se serve, riposare un po’ le gambe.

In cima alla Torre di Giotto ti aspettano una meravigliosa vista panoramica sulla città e sulle colline circostanti, per non parlare della prospettiva unica da cui potrai ammirare la stessa Cattedrale e la Cupola del Brunelleschi.

Vista dalla cima del Campanile di Giotto

Sei ancora indeciso se visitare il Campanile di Giotto o no? Beh, sappi che il biglietto unico del Grande Museo del Duomo dà accesso a tutti i monumenti (Cattedrale, Cupola, Battistero, Campanile, Cripta e Museo del Duomo) ed ha validità di 48 ore dal primo ingresso.

Prenota un tour per il Campanile di Giotto e Duomo »

Oltre 6 secoli di storia per 84,70 metri di altezza

Il Campanile di Giotto è uno splendido esempio di architettura gotica fiorentina del Trecento.

Era il 1334 quando Giotto, uno dei principali pittori ed architetti del tempo, iniziò a costruire la torre campanaria dell’attuale Cattedrale di Santa Maria del Fiore, affiancandola alla facciata della Chiesa.
Per quanto il Campanile porti il suo nome, Giotto potè seguire i lavori di costruzione della torre solo per i primi tre anni, fino alla sua morte.

Una curiosità

Quale altra famosa torre campanaria puoi visitare in Toscana? La Torre di Pisa!

Scopri di più sulla Torre pendente.

La realizzazione della Torre Campanaria fu quindi portata avanti da Andrea Pisano, che finì i primi due piani seguendo il progetto di Giotto e terminato nel 1359 da Francesco Talenti, dopo un’interruzione dei lavori dovuta alla diffusione della peste nera a Firenze. Idea del Talenti è anche la grande terrazza che fa da tetto panoramico ed è il punto più alto raggiungibile del Campanile.

Realizzato a base quadrata, larga circa 15 metri, il Campanile svetta con i suoi 84,70 metri di altezza a lato della Cattedrale, con cui ha in comune il caratteristico rivestimento, realizzato con marmi bianchi, rossi e verdi.

La decorazione scultorea esterna del Campanile è estremamente ricca: presenta formelle esagonali, losanghe, rilievi e statue a grandezza naturale.

vista dal Campanile

Le formelle e le losanghe rappresentano il concetto dell’ordinamento universale e della storia della Redenzione, mentre i rilievi narrano la Creazione dell’Uomo e delle sue attività, dell’influenza dei Pianeti sulla vita dell’uomo, delle sue Virtù, delle Arti Liberali e dei Sacramenti. Vi sono poi 16 statue a grandezza naturale poste nelle nicchie ed opera di diversi maestri fiorentini del Trecento e Quattrocento, tra cui Andrea Pisano e Donatello.

Le opere sono state nel tempo sostituite da delle copie, ma gli originali sono comunque esposti nel Museo dell’Opera del Duomo che consigliamo di non perdere!

Alcune delle decorazioni esposte nel Museo dell'Opera del Duomo

Il campanile ha sette campane. La campana più grande è chiamata Santa Reparata, in onore della Santa a cui è dedicata l'antica Cattedrale. Le altre sono chiamate la Misericordia, l'Apostolica (in foto, qui sotto), l'Assunta, la Mater Dei, l'Annunziata e l'Immacolata, tutti nomi legati alla Madonna a cui è intitolata la Cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Apostolica

Ami anche tu le vedute panoramiche? Scopri altre due celebri torri con vista su Firenze.


Autore: Cristina Romeo

Nata a Firenze alla fine dei favolosi anni ‘70, vive da sempre nella famosa “culla del Rinascimento”. Innamorata della sua terra, è mamma di un'adorabile e vivace bimba, a cui spera di trasmettere tutta la sua passione per la loro meravigliosa e preziosa Toscana.



Commenti

Domande? Il posto giusto dove chiedere è il nostro Forum*

* Non ci è possibile rispondere a domande poste nei commenti, per favore chiedi sul Forum!

Le nostre Guide

  • DiscoverTuscany.com
  • VisitFlorence.com
  • Chianti.com
  • Agriturismo in Toscana.com
  • Firenze Alloggio.com